Old but gold

RE MEDDA


Ripropongo con gioia un post del mio blog del 10 giugno 2008 alle 14:46:00
PENSIERI &CAFFELATTE #054
(cat. PENSIERI A CASO)
Dal vangelo di Stailuan.

Fare un blog sulla sconfitta della nazionale di calcio sarebbe di una banalità oserei dire blu, quindi vi parlerò di cose assolutamente più interessanti.

Che l’Italia ieri avesse perso, lo si era capito molto prima dell’inizio della partita, quando alle 19:30 stailuan sentì un casino assurdo in soggiorno, al che si alzò dalla sedia, si diresse verso la fonte dei rumori e assistette alla scena di un merlo che volava per la casa emettendo suoni e rumori modello elicottero Apache.

Stailuan prima si caga tantissimo, poi prende la digitale e fa una foto, infine comincia a urlare :”PRESAGIOOOOOOOOO” .
Scena epica.
Quasi epocale.
Stailuan (con felpa be happy bianca e cappuccio in testa) corre intorno al tavolo con merlo che gli vola avanti.
Stailuan continua a urlare :”presagio presagio – ziocan presagio” riferendosi chiaramente agli aruspici e alla cultura romana di 2000 anni fa.

Stailuan apre tutte le finestre e le porte, ma il merlo riesce a cecchianare tutte le lampade, i lampadari, i vasi e le sedie, non uscendo di casa.
Nel fare ciò, stailuan capisce che MAI come in sto caso si potesse parlare di MERLO DI MER*A, a seguito di tutto quello che sta lasciando per la casa.
Novello Re Mida, modello vespasiano, infatti il presagio riesce a trasformare in cacca tutto ciò che tocca, da qui come mi suggeriscono alla regia, trattasi di RE MEDA, o re MEDDA.

A un certo punto buh.
Il merlo non c’è più (cucù).
Il regno del merlo è finito, la casa torna quasi alla normalità. Prossima volta magari pulisce lui.

Poi l’Italia perderà tre a zero contro l’Olanda, ma questa è un’altra storia, e comunque è storia nota.

In foto: Re Medda.

You Might Also Like

2 Comments

  • Reply
    Saretta
    25 Maggio 2010 at 10:03
  • Reply
    Style1
    25 Maggio 2010 at 10:52

Leave a Reply